Animaletti fantastici e come trattarli - La vista del cane

Oggi, per la rubrica Animaletti fantastici e come trattarli, parleremo di come ci vedono i nostri fidati amici cani. No, non di quanto siamo belli ai loro occhi, non oggi 😉  proprio del modo in cui il loro senso della vista interpreta gli stimoli.

Infatti tra le tante curiosità sui cani c’è quella su come vedono – si sa che vedono in modo diverso dagli umani – e un’idea molto diffusa è che vedano in bianco e nero.

Il cane vede un mondo meno colorato del nostro, più sbiadito, ma non fatto solo di bianco e nero. Infatti distingue il colore blu, il giallo e il bianco, ma confonde tra loro il rosso, l’arancione, il giallo e il verde.

Il motivo è tecnico ed è legato ai coni, uno dei due tipi di fotorecettori presenti sulla retina. I coni sono deputati alla visione dei colori e alla visione distinta. L’occhio del cane ha solo due tipi di coni (l’occhio umano tre). Questo fa si che, data anche l’ampia dilatazione delle pupille, il cane possa vedere meglio di un essere umano anche con una luce molto fioca, ma distingue un numero inferiore di colori.

I cani vedono anche relativamente poco bene da vicino e dalla media distanza (ad esempio, quello che una persona può vedere da 23 metri, un cane lo vede sfocato già da 6m) mentre vedono bene da lontano e vedono molto meglio ciò che si muove rispetto a ciò che è fermo.

I cani hanno gli occhi posizionati in modo da avere un campo visivo a 240 gradi (gli umani ce l’hanno a 180 gradi) con una zona di visione binoculare e altre due di visione monoculare di 80° ciascuna. Rispetto agli umani, hanno una visione periferica migliore e sono in grado di percepire piccoli movimenti con grandissima rapidità.

Più gli occhi del cane sono frontali (come nel caso del pechinese e del bulldog), maggiore sarà la visione binoculare, ma a discapito del campo visivo. Al contrario, più gli occhi del cane sono posti lateralmente (come nel caso del pastore tedesco), la visione binoculare sarà ridotta con conseguente vantaggio sul campo visivo.

Ma perché gli occhi dei cani brillano al buio?

Gli occhi dei cani, se illuminati da un fascio luminoso di notte, sembra che brillino: è perché dietro la loro retina hanno una struttura che si chiama tapetum lucidum. È uno strato di cellule molto riflettenti che permette agli occhi dei nostri amici di catturare tutta la luce possibile e vedere anche al buio.